image
Blog La nuova area del sito sis007 dedicata ad articoli di approfondimento, recensioni, opinioni, contenuti particolari, scritti da membri dell'associazione ed esperti di vari settori che collaborano con A.I.S.I.S. Read the Full Story

Puoi accedere subito alla rete sociale SIS007.org!

Cosa aspetti? Accedi dall'area community anche tramite il tuo account Facebook!

Recensione al film CELLA 211 di DANIEL MONZÓN

Scritto da  Mattia Massini
Vota questo articolo
(1 Vota)
Locandina Cella 211 Locandina Cella 211

Cella 211, film dai toni accesi e cruenti, rivela e proietta le condizioni di vita dei detenuti in carcere.

È una storia, apparentemente assurda e surreale, che vede il protagonista principale, Juan, secondino, coinvolto in una serie di equivoci e incidenti causati dalla fallibilità del sistema carcerario.

Il regista, Monzon, riesce consapevolmente a innestare nel protagonista una sorta di alter ego che diventa sempre più radicato.

In Juan si concretizza un Dr. Jeckyll e un Mr. Hide: la parte peggiore viene fuori non appena perde la moglie e si trasforma, anche lui, in un assassino.

Monzon non fa altro che mostrarci questa lotta continua che il protagonista in tutta solitudine combatte contro i detenuti, contro il Sistema e alla fine contro se stesso.

Interessante è la figura di Malamadre, dichiarato leader dei detenuti. Tra lui e il protagonista nasce una specie di amicizia che diventa alla fine del film sempre più profonda e che li vede insieme contrapposti a un unico nemico comune: il Sistema carcerario.

Il regista, a questo punto, evita in maniera disincantata di affibbiare colpe o responsabilità limitandosi a mostrarci in silenzio cosa significa perdere un'idea, perdere qualcuno e alla fine perdere se stessi; cosa si è capaci di fare quando con le spalle al muro non si ha più niente da perdere.

Cella 211 è il titolo del film, ma è anche il simbolo, per Juan, di una sorta di purgatorio, di una possibile redenzione attraverso il suicidio.

Film per niente scontato che rifila alla spettatore una vera e propria bastonata nelle battute finali. Monzon, probabilmente, vuole mostrarci come sia strano e a volte quasi scorretto il corso della giustizia.

 

 

 

Letto 4003 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti